CASO DONNARUMMA RAIOLA: Quando un soldo vale molto e una maglia vale poco. Di Ciccio, un tifoso triste.

———————————–

Ma alla fine della fiera, chi cazzo è sto Donnarumma?
Ormai sono settimane o forse addirittura mesi che non si sente parlare d’altro che del rinnovo di contratto del portiere del Milan. Ne parlano davvero tutti, dai siti alle Tv, i giornali, i gruppi WhatsApp, al bar, forse anche dopo aver fatto l’amore…O magari durante. Un ragazzino di 18 anni e il suo procuratore sono stati capaci di creare tutto questo casino e catalizzare l’attenzione dell’intero Paese come se non ci fosse altro. Se digiti su Google “Donna” e magari vuoi cercare una bella donna piuttosto che Donna Summer, ti devi sorbire nell’ordine: Donnarumma, Donnarumma Milan, Donnarumma hacker. Voglio morire. Ma allora se è davvero così importante, la domanda qual è? E’ Donnarumma l’infedele mercenario o è Raiola il cinico affarista che non conosce altro Dio all’infuori del vil danaro? Chissà quanti di voi hanno già la risposta. Io, che notoriamente sono più intelligente di tutti, prendo la posizione di mezzo e lo metto in culo al mondo. Istintivamente non ho mai avuto simpatia per Donnarumma, l’espressione del viso non è propriamente quella di un intellettuale post-comunista, tutt’altro, ma in campo si è sempre dimostrato umile e mai presuntuoso per quello che possa contare. Se avesse fatto il magazziniere in un supermercato piuttosto che l’idraulico molto probabilmente si sarebbe ammazzato di seghe sui porno vintage anni 80 e invece lui sta con una strafiga mondiale, è ricco e famoso e io sto qua a scrivere di lui con 38° e l’ascella pezzata. Così va il mondo. Però mi viene anche da pensare che gli hanno offerto 5 milioni l’anno, mica bruscolini…E lui, il tifoso milanista da quando è nato, ha rifiutato. Il bacio alla maglia, una giovane vita calcistica però sempre con gli stessi colori cuciti addosso e tutta una serie di luoghi comuni che mi sembra inutile elencare. Può un calciatore che dice di essere tifoso rifiutare 5 milioni di euro l’anno per continuare a vestire la maglia della propria squadra del cuore? Probabilmente no o forse più probabilmente la parola del buon Gigio conta meno del due di coppe quando regna bastoni. Chi pensava che potesse diventare una bandiera sarà rimasto deluso, io no perchè ho imparato a conoscere a mie spese questa bizzarra categoria di uomini chiamati calciatori professionisti. E poi, se proprio vogliamo dirla tutta,
se alle famose bandiere avessero proposto il dimezzamento dello stipendio sarebbero forse rimaste tali? Ma sorvoliamo, non vorremo passare per gli invidiosi che non siamo. Dall’altra sponda anziché no c’è Mino il poliglotta, colui che parla cinque lingue tranne l’italiano, il vero Re del calciomercato internazionale. Che ci sia la sua mano dietro tutta questa vicenda – triste – credo che lo sappiano anche nello Zimbabwe e non credo che il suo lavoro voglia necessariamente che i suoi assistiti diventino delle specie di puttane da saloon disposte a vendersi al miglior offerente. Credo che il procuratore debba innanzitutto badare all’immagine e all’integrità della persona, se poi parliamo di un ragazzino poco più che diciottenne allora subentrano ben altri tipi di valori. Ma tant’è, in questa querelle possono esserci tanti vincitori ma gli unici a perdere come sempre sono i tifosi. Noi che ci ingrossiamo il fegato quando la nostra squadra perde, noi che spendiamo soldi e sacrifichiamo e sottraiamo tempo alle nostre famiglie, noi che dovremmo essere i padroni di questo circo e che invece siamo solo quelli che camminano claudicanti dopo un incontro con John Coffey. La telenovela Donnarumma-Raiola non fa altro che rafforzare le mie eterne convinzioni da tifoso dei gradoni infestati di lacrime e sudore: amate la maglia e non chi la indossa. Il nostro simbolo non morirà mai, il Donnarumma di turno bacerà la nostra maglia per poi spingercelo laddove non batte il sole. C’è a chi piace e a chi no.
Ma alla fine della fiera, chi cazzo è sto Donnarumma?

Ciccio
Un tifoso sempre più deluso    
    • VIENI A FAR PARTE ANCHE TU DI Voti-Fanta.com
      • Ti piace scrivere di calcio e fantacalcio? Pensi di capirne più tanti altri ? Entra a far parte nella redazione di VOTI FANTA.
        Se sei interessato a partecipare e dare il tuo contributo scrivici un email dove ci racconti cosa ti interessa e cosa vorresti fare. Scrivici a votifanta.com@gmail.com

.embed-container { position: relative; padding-bottom: 56.25%; height: 0; overflow: hidden; max-width: 100%; } .embed-container iframe, .embed-container object, .embed-container embed { position: absolute; top: 0; left: 0; width: 100%; height: 100%; }

Lascia un commento

P