NAPOLI Insigne e Raiola, quali sono i rapporti.


"Non sono tutti come Hamsik, Insigne ha un contratto per altri quattro anni, quando scade, può andare dove vuole". Solo due giorni fa le parole a Radio Crc di Mino Raiola, in risposta all' affermazione colorita ma significativa di De Laurentiis: "Raiola dovrà passare sul mio cadavere per portare via Lorenzo da Napoli". 
Ma cosa c'entra l' agente Italo Olandese con il 24 azzurro? Formalmente niente, perché il talento di Frattamaggiore è legato fino al 2019 con la scuderia di procuratori che fa capo ad Antonio Ottaiano, come ha ribadito lo stesso solo ieri. Esiste però anche una clausola che libera il giocatore dai sui agenti, di tre milioni di euro.
Ma qualcosa tra Insigne e i procuratori si è incrinato durante la lunga trattativa che ha portato questa primavera al rinnovo e l' aumento del contratto tra il Napoli e il giocatore.
Voci vicini all' entourage parlano di frizioni per una commissione pretesa dal padre di Insigne sul rinnovo. Il genitore e tutta la famiglia sono una cosa sola con Lorenzo. Sono sempre assieme: proprio durante la conferenza stampa post rinnovo, lo stesso Insigne parlava del fatto che i compagni lo prendessero in giro perché la mattina arriva a Castelvolturno accompagnato dal padre. 
A luglio lo strappo tra la famiglia Insigne e Ottaiano. Roberto, il fratello minore, di proprietà del Napoli, sempre assistito da Ottaviano e soci,  vuole trovare una squadra per la nuova stagione. Vuole farlo in fretta dopo l' esperienza non positiva dell' anno prima con il Latina.
I procuratori pensano di fargli ripetere la strada di Lorenzo. Mandarlo da Zeman e sperare nella sua esplosione con il maestro Boemo a Pescara. Gli abruzzesi reduci dalla retrocessione hanno però prima l' esigenza di vendere. C'è da aspettare. Ma Roberto non vuole, la sua volontà è quella di iniziare subito il ritiro con una nuova squadra. Qui si consuma la rottura. Il giovane attaccante si accasa in prestito al Parma, sembra con l' intermediazione proprio di Mino Raiola.
La famiglia Insigne ora ha un nuovo referente, il procuratore protagonista del rinnovo di contratto più mediatico che si ricordi, quello di Gigio Donnarumma.
Raiola è entrato a contatto con Lorenzo Insigne dalla porta secondaria, ma il suo obiettivo è diventare lui l' agente di entrambi i fratelli.
Lorenzo, aldilà delle critiche ricevute in nazionale, rimane una delle poche stelle dal passaporto italiano. Il Milan aveva pensato a lui prima del rinnovo, ma anche il Barcellona ha mostrato interessamento, prima e dopo la partenza di Neymar. È un giocatore che dopo le ultime due stagioni passate sotto la guida di Sarri, fa gola a molti. Raiola sta per ora agendo lanciando piccole provocazioni. Anche perché Lorenzo al momento è ben contento di essere uno dei simboli del Napoli e ha appena firmato un contratto da 5 milioni di euro. Ma Raiola oramai è "dentro" la famiglia Insigne, questo significa che la pace trovata con la firma del prolungamento dell' accordo fino al 2021, durerà poco.

  • [message]
    • VIENI A FAR PARTE ANCHE TU DI Voti-Fanta.com
      • Ti piace scrivere di calcio e fantacalcio? Pensi di capirne più tanti altri ? Entra a far parte nella redazione di VOTI FANTA. Se sei interessato a partecipare e dare il tuo contributo scrivici un email dove ci racconti cosa ti interessa e cosa vorresti fare. Scrivici a votifanta.com@gmail.com

Posta un commento

0 Commenti