Sampdoria, Giampaolo in conferenza:"Viviano? Non è convocato.Ho visto la Roma contro l’Inter e non credo meritasse di perdere".




Giampaolo ha presentato il posticipo di sabato sera contro la Roma al Ferraris.
Sulla rifinitura:"A differenza dello scorso anno, dove puntualmente perdevamo tanti giocatori per le nazionali, sono andati via in pochi, quindi abbiamo usato questa sosta per sfruttare gli allenamenti e integrare gli ultimi. Veniamo da due vittorie, che ci hanno aiutato a crescere in autostima e fiducia. Incontriamo una squadra forte, ma non mi dispiace: ci dà una misura di chi siamo".
Sui nuovi acquisti:"Zapata e Strinic hanno svolto un lavoro differenziato prima di arrivare qui  ma il loro impatto col gruppo è stato positivo: sono vogliosi e motivati. Penso che abbiano arricchito il peso specifico della Samp. Mettere dentro calciatori così significa: allenamento e lavoro migliore, per tutti. Sono contento del mercato, la società si è mossa bene. Siamo più strutturati ora. Viviano? Non è convocato, deve ritrovare il campo, lavorare e fare partitine. Ha l’ok medico, solo quando sarà pronto tornerà a giocare".
Sulla VAR:"Il VAR è una bella rivoluzione, anche culturale . Gli arbitri fanno meglio il loro lavoro, sbagliano meno e sono più sereni. Penso che sia l’antidoto alla sudditanza psicologica".
Sulla Roma: "Rispetto alla Fiorentina, anche loro hanno cambiato l’allenatore ma hanno tenuto tanti giocatori . Di Francesco se l’è meritata tutta questa panchina, negli ultimi anni ha fatto benissimo".
Sull'atteggiamento da adottare:"Giochiamo in casa, davanti al nostro pubblico: vogliamo fare bene. Marassi ci aiuterà, perché è un valore aggiunto. Poi vince il migliore, a volte anche il più fortunato. Ho visto la Roma contro l’Inter e non credo meritasse di perdere. Poi ha preso tre gol senza neanche accorgersene. Dovremo essere audaci e coraggiosi. L’obiettivo è quello di fare prestazioni importanti e sempre, mai essere vittima sacrificale. Passione e cuore giusto".

Posta un commento

0 Commenti