CHIEVO, Maran: "Abbiamo concetti di gioco ben chiari. Il derby ci ha dato entusiasmo. Cacciatore? Dovrebbe rendere di più.




SUL MILAN
"Il derby ci ha lasciato tanto entusiasmo, ma dobbiamo dimenticarlo in fretta. Domani ci aspetta una sfida molto complicata visto che il Milan avrà grosse motivazioni. Incontriamo una delle squadre che ha fatto più partite ufficiali e quindi potremo incontrare delle difficoltà proprio in virtù di questo, cioè che hanno nelle gambe più partite con le quali hanno testato la loro quadratura".
PREVISIONI SUL CHIEVO
"Nessuno può fare previsioni, ma cerca di portare avanti al meglio il proprio percorso cercando di alzare sempre il livello delle prestazioni. Mia spettavo dei miglioramenti su certi aspetti attraverso i quali avremmo potuto costruire qualcosa di importante e, al momento, i risultati ci stanno dando ragione, Ma non so dove potremo arrivare ma il nostro obiettivo sarà quello di alzare il livello delle nostre prestazioni gara dopo gara".

SUL PERIODO DEL CHIEVO E DEL MILAN
"Credo che la squadra non dia priorità alla quantità, andando in campo ed esprimendo concetti di gioco ben chiari. Credo che questo sia stato visto da tutti e che la squadra metta sempre in campo quantità e qualità, perché questo deve fare. Anche contro il Milan servirà spirito di sacrificio, ma anche la volontà della squadra di essere artefice della propria prestazione. Quando una squadra viene da un periodo non positivo, le motivazioni vengono automatiche. Se invece la squadra sta attraversando un bel momento, deve comunque saper mettere in campo il suo entusiasmo avendo sempre fame: cosa che ci deve caratterizzare in ogni partita. Sono due aspetti che si contrappongono ma, nonostante questo, dovremo fare la nostra gara"


SUL TURN OVER

"Ho ancora più di ventiquattro ore, devo valutare qualche situazione. Sono tutti convocabili, ma qualcuno a qualche acciacco. Sono situazioni che devo valutare fino alla fine".

SU CACCIATORE
"Per le qualità che ha avrebbe potuto fare molto di più, anche se ha ancora tempo per fare la differenza. Credo che ora abbia raggiunto la piena maturazione e che stia fornendo prestazioni importanti e continue. Lui non deve abbassare la guardia, ci conosciamo da troppo tempo: basta uno sguardo per fargli capire di cosa ha bisogno. E’ un grande professionista è sta giocando bene con grande continuità".



Commenti