Lazio: Bastos regala i tre punti ai cugini ma bisogna far riposare il Ciro nazionale. A cura di D. Catanese.





Il derby capitolino va meritatamente alla Roma che che supera i cugini laziali e si piazza al quarto posto con 30 punti frutto di un filotto di vittorie consecutive. I biancocelesti gettano la spugna nonostante la sconfitta sia arrivata per via dei madornali errori di Bastos, peggiore in campo, evidentemente individuato dal buon Di Francesco come anello debole dalla difesa laziale per cui l'ex di turno Kolarov e Perotti, in giornata di grazia, hanno fatto sfracelli dalle parti dell'angolano che ha questo punto potrebbe lasciare il posto da titolare al rientrante Wallace apparso più continuo alla lunga rispetto al compagno di reparto.
La Roma è apparsa superiore sia per mole di gioco sia per le opzioni che gli consentono di arrivare al gol ma la squadra di Inzaghi non ha disputato una brutta gara e probabilmente la condizione fisica precaria di Immobile, Parolo e anche di Milinkovic-Savic, tra i peggiori, ha pesato sul risultato finale, Bisogna dire che nonostante il mister abbia plasmato una squadra camaleontica, tutti i meccanismi di gioco girano intorno a Ciro Immobile in quanto è colui che dà la profondità alla squadra ed è l'unico a poter far reparto da solo tra gli attaccanti biancocelesti. I play off disputati con la maglia della nazionale hanno evidentemente pesato sulla condizione dell'attaccante che a quanto pare ha concluso il match in lacrime per via del dolore alla coscia destra che lo ha perseguitato nell'ultimo periodo. Con l'ingresso di Nani e il passaggio al tridente la squadra è diventata più pungente e anche il portoghese sembra aver raggiunto una buona condizione fisica per cui nelle prossime partite potrà diventare un'arma da giocare sin dall'inizio così come Lukaku che, subentrato a Lulic, ha messo in difficoltà la Roma con le sue falcate. 
La nota negativa arriva dalla ricaduta subita da Felipe Anderson, il brasiliano scalpitava e la convocazione nel derby ha fatto sperare i tifosi ma adesso il suo rientro sembra essere posticipato addirittura a gennaio. 
Nel frattempo Simone Inzaghi potrà fare un turn over quasi totale nel match di coppa col Vitesse, per via della qualificazione anticipata, per affrontare al meglio delle forze la prossima sfida casalinga di campionato con la Fiorentina domenica alle 18.




A cura di
Domenico Catanese


Posta un commento

0 Commenti