Cagliari Napoli 0-5 le pagelle: Troppo Napoli per i rossoblu; Allan enorme, Padoin il peggiore.

CAGLIARI-NAPOLI 0-5
Troppo Napoli per i rossoblu; Allan enorme, Padoin il peggiore.


Al Sardegna Arena si chiude il sipario della 26^ giornata di serie A con il posticipo serale Cagliari-Napoli;
Dopo le vittorie di Spal e Verona in coda, il Cagliari ha bisogno disperato di punti per lasciare a distanza di sicurezza la zona rossa, il Napoli dopo il rinvio di Juventus-Atalanta per neve ha la ghiotta occasione di andare a +4 dai bianconeri aumentando la pressione degli inseguitori;
Lopez vara un 3-4-1-2 con Lycogiannis e Farago' sulle fasce e Joao Pedro a supportare Pavoletti e il coreano Han in attacco; Sarri senza troppi conti sui diffidati schiera i titolarissimi con davanti il tridente delle meraviglie Insigne-Callejon-Mertens con quest'ultimo a caccia del goal numero 100 in serie A;
Davanti a poco più di 15 mila spettatori in una serata fresca ma senza vento e pioggia arbitra il sig. Piero Giacomelli;

Pagelle a cura di Nicola Ottonello

CAGLIARI

Cragno: 5,5 - Incolpevole sui goal subiti è comunque efficace quando impegnato, intuisce il rigore di Insigne senza però arrivarci per centimetri;

Romagna: 5 - Primo tempo di controllo contro Insigne, al secondo con la stanchezza è spesso in difficoltà;

Castan: 5 - Alcune imprecisioni e il ritardo nella chiusura sul goal di Callejon pesano sulla prova del brasiliano;

Ceppitelli: 5,5 - Mertens è un folletto e spesso gli scappa via, ma comunque non sfigura chiudendo spesso da ultimo baluardo;

Padoin: 5 - Su un suo erroraccio nasce il goal del vantaggio del Napoli, prova insufficiente per lui (dal 59' Ionita: Non lascia tracce di se dal suo ingresso anche perché quando entra ormai la china della partita è presa)

Lycogiannis: 5,5 - Non sfigura sulla fascia anche se si perde Hysai nell'azione del secondo goal;

Barella: 5,5 - Corre, combatte e macina chilometri, purtroppo a discapito della precisione (Dal 76 Deiola: s.v.);

Farago': 5,5 - Al primo tempo sforna cross a ripetizione dalla sua fascia irridendo Mario Rui, al secondo tempo sparisce come il resto della squadra;

Joao Pedro: 5 - Un po'spento tra le linee non riesce a dare il contributo che ci si aspetta da lui;

Pavoletti: 5,5 - Di testa ingaggia duelli niente male con i centrali del Napoli, si fa anche trovare puntuale sui cross, ma non è fortunato - isolato;

Han: 5,5 - Guizzi e scatti che fanno intravedere una classe cristallina, oggi però contro questo Napoli sarebbe servito altro (dal 62' Cossu: Non entra in partita e non offre supporto a Pavoletti);

NAPOLI

Reina: 6 - Attento quando viene (raramente)chiamato in causa, passa comunque una serata tranquilla;

Hysai: 6,5 - Supporto costante sulla fascia di destra offre l'assist per il goal di Mertens (Dal 73' Maggio: 6 - Si limita al palleggio con i compagni in una partita ormai già chiusa);

Koulibaly: 6 - Con Pavoletti non è facile, ma il difensore fa valere la sua fisicità;

Albiol: 6,5 - Solita sicurezza dietro, non viene superato mai sull'uno contro uno;

Mario Rui: 6,5 - Al primo tempo inizia male contro Farago'a cui pian piano prende le misure, regalandosi poi la gioia del goal con un gioiello su punizione;

Allan: 7,5 - Quando da certi strappi il Napoli svolta;l'azione del primo goal è l'essenza del brasiliano, recupera,corre e offre un assist al bacio - indomito;

Jorginho: 6 - In fase di regia non brilla particolarmente oggi e si limita a giocate semplici (dal 76' Diawara s.v.);

Hamsik: 7 - Nel vivo del gioco unisce a perfezione la linea di centrocampo con il trio d'attacco, inserendosi a perfezione in fase offensiva, a rimorchio trova la gioia personale siglando il goal del 3-0;

Callejon: 7 - Come un cecchino quando riceve una palla giusta castiga il Cagliari, sfiorando più volte la doppietta- tiratore scelto;

Mertens: 6,5 - Attivo per tutta la partita partecipa al fraseggio al limite e tenta spesso la conclusione, poi quasi per il rotto della cuffia sigilla la partita con un tocco sotto porta da attaccante vero-velenoso (dal 64' Zielinski - Non riesce a dare una impronta alla partita come ci aveva abituato);

Insigne: 6,5 - Si impegna lo scugnizzo che oggi però non incanta con giocate ad effetto, segna il poker su rigore gentilmente lasciatogli da Jorgihno;