Buffon: " Arbitro Al posto del cuore ha un bidone dell’immondizia. Stia a mangiare le patatine in tribuna"

Champions League; Intervista a Buffon post Real Madrid Juventus

Intervista Buffon Real Juventus 1-3

Gigi Buffon non ci sta, il rigore concesso allo scadere al Real Madrid, lo fa infuriare. Nei secondi successivi con una reazione che gli ha procurato il rosso diretto ma anche nel post partita. Parole di fuoco del capitano della Juventus nei confronti dell' arbitro.

ARBITRO PROTAGONISTA

“Io non sto a sindacare, ha visto l’arbitro, azione dubbia al 93' dopo un rigore non dato a noi non puoi avere il cinismo di distruggere il sogno di una squadra, ti ergi a protagonista per tuo vezzo o perché non hai la personalità adeguata, un essere umano non può decretare un’uscita di una squadra con un episodio dubbio. Al posto del cuore hai un bidone dell’immondizia. Se non hai la personalità stia in tribuna mangi le patatine, non puoi rovinare un’impresa epica che hai a certi livelli. Quando anche io non sono adeguato mi metto da parte, se non sei adeguato ti metti da parte".


COMPLIMENTI AL REAL 

"Il Real Madrid ha meritato il turno. Gli faccio i complimenti, per me sempre un onore affrontarli, complimenti ma stasera meritavamo quanto meno i supplementari. Potevo dirgli qualsiasi cosa, se non hai la sensibilità stai in tribuna a mangiare le patatine. L’arbitro ha fatto la sua partita, ma il problema è quello. A prescindere dall’assistente, è questione di sensibilità che deve albergare in ogni uomo, deve vedere la gara di andata e al ritorno venire sereno e fare cose eque. Era inevitabile che il leiv motiv era partire forte, avevamo lo 0,000001 possibilità di farcela, i ragazzi sono pronti di ogni impresa. Ma il piccolo sogno era in cima a una scaletta con step che eravamo riusciti a scalare, il Real Madrid ha vinto, meritato, un onore affrontarli, sono stati più bravi ma non ci può non essere il rammarico e non essere l’arrabbiatura"

RAMMARICO PER L' ANDATA

"Sicuramente all’andata è venuto fuori un risultato che per una squadra normale non lasciava spazio a una rimonta ma siamo gente di Sport, sappiamo come si affrontano le partite con un vantaggio consistente, rischi di essere lassista, abbiamo messo in campo tutto quello che avevamo".

SENSIBILITA'

"E' una questione di sensibilità, non sai dove sei, che squadre si affrontano, non sai veramente un cazzo!  Non ho bisogno di ovazioni. Mi è dispiaciuto lasciare i ragazzi i dieci, il Real ha meritato la vittoria, gli facciamo i complimenti, da domenica torniamo in campionato furiosi”.

Posta un commento

0 Commenti