Addio Buffon: "Ero sicuro del ritiro, ora ho avuto offerte importanti, devo decidere se continuare. Nazionale stop"

"All' arbitro di Madrid direi le stesse cose ma in modo gentile. Szczesny vale me ma ha 13 anni di meno"

Conferenza stampa di Buffon per l' addio alla Juventus



Introduce alle parole di Buffon un discorso del presidente Agnelli:
"Buffon è stato all'interno con noi, e poi è tornato in paradiso. Gli saremo eternamente grati. Questa stagione è stata lunga e logorante, e Gigi si aspettava qualcosa di diverso: non sono arrivati i Mondiali e il Record di presenze in Serie A. Poi però ha alzato a Roma la Coppa Italia e ha vinto pochi giorni dopo in porta lo Scudetto. Quello che noi sappiamo è che Szczesny il prossimo anno difenderà la nostra porta. Una porta che è stata di Buffon e di tanti campioni prima di lui"

Le parole di Buffon:
"Non posso che ringraziare il Presidente per le sue parole. Mi fa piacere che siate venuti in tanti. I miei principi sono sempre stati l'onestà, la lealtà e la lotta all'ipocrisia. Sabato sarà la mia ultima partita alla Juventus, sono felice di aver concluso con due trofei, sono contento di finire in compagnia del presidente e di tutto il popolo Juventino. La mia paura era di finire la carriera come un peso. Non è così, la mia più grande gratificazione è che fino a sabato ho dato il mio contributo. Ringrazio la famiglia Juventus e la Juventus. Se il mio talento straordinario si mi ha fatto diventare campione è merito della Juve e della sua mentalità che mi ha portato ad essere competitivo fino a 40. La mentalità bianconera l' ho fatta mia e la adopererò anche nella mia carriera dopo aver giocato"

FUTURO

"Sabato giocherò una partita, questa è l' unica cosa certa. Andrea sa cosa sta succedendo attorno a me. Fino a 15 giorni fa era sicuro che avessi smesso. Ora sono arrivate tante offerte fuori e dentro dal campo, la più importante l' ho ricevuta da Agnelli. La prossima settimana prenderò la decisione definitiva, seguendo la mia indole e natura".

STAGIONE

"E' stata una stagione intensa e particolare, con dei bassi clamorosi e inattesi e dei picchi incredibili. Talvolta, la lucidità è venuta meno, e non nego che dopo Juve Napoli qualche perplessità ci sia stata. Invece, abbiamo dato ancora una volta una risposta incredibile in campionato"
Conferenza stampa di Buffon per l' addio alla Juventus

PORTA JUVE

"Sono fermamente convinto che la Juve debba programmare il futuro, e da giocatore per quasi 20 anni e Capitano per 8 sono il primo a capirlo. La Juve ha un portiere di valore eccelso, Szczesny che ha anche 13 anni meno di me.

JUVE PIU' FORTE DI SEMPRE

"Non lo so, senz'altro la più solida"

SERENITA'

"Le mie decisioni future non cambieranno la mia serenità. Avevo ormai accettato di essere un ex giocatore. Qualsiasi cosa dovesse capitare, l'obiettivo è quello di essere felice"

GIOCARE IN ITALIA

"No, poteva essere un sogno da bimbo, un ritorno al Parma... ma no".

SENTIMENTO

"Una grande gratificazione, data dal sentire questa vicinanza, da parte del Club, dei compagni e delle persone che mi sono vicine. Del futuro non ho paura, io sono un po' incosciente"

Riprende la parola Agnelli interrogato sulla proposta fatta a Buffon.

"Come succede per ogni persona di un azienda, è necessaria una seria formazione di almeno un anno, per poi decidere dove orientare il ruolo".

Torna a parlare Buffon;

FUTURO FUORI DAL CAMPO

"Se il mio futuro sarà fuori campo, confermo la necessità di una formazione per me, per capire l'indirizzo specifico da prendere"

NAZIONALE

"Se Buffon era un problema tre mesi fa, non oso pensare a cosa potrebbe succedere adesso. Quindi è una situazione da cui voglio tenermi lontano, inoltre ci sono giovani portieri che devono fare le loro esperienze. Il 4 giugno non saro' in campo con la Nazionale. Non ho bisogno di attestati di affetto particolari"
Conferenza stampa di Buffon per l' addio alla Juventus

COSA TI STIMOLEREBBE A CONTINUARE

"Sarebbe dovuta a percezioni, stimoli, stato di forma. Sono tante le considerazioni che devo fare, senza lasciarmi trascinare dall'impeto del momento. Non voglio finire la carriera in campionati minori. Mi inorgogliscono tante proposte, ma per il tipo di carattere che ho voglio affrontare qualsiasi impegno con massima serietà"

SQUALIFICA UEFA

"Ci starebbe. E' evidente che ho trasceso e ne sono dispiaciuto, ma era una situazione molto particolare. In quel momento non potevo che dire quelle cose ma mi spiace di avere offeso l'arbitro. Se lo avessi rivisto dopo due giorni lo avrei abbracciato e chiesto scusa, perché fanno un lavoro difficilissimo, ma gli avrei detto le stesse cose ma in maniera educata"

FAMIGLIA JUVE

"Per me la Juve è famiglia e sono onorato di essere percepito come uno della famiglia. Il Club però programma un futuro vincente. Se un giorno sarò considerato come un elemento che può aiutare la causa, la Juve avrà la precedenza su tutto"

STRESS DA RITIRO

"Ho pensato anche a un futuro lontano dal calcio. Ci sono stati mesi complicati, ma da aprile sono tornato a essere leggero, fiducioso e felice. Eventualmente sei mesi sabbatici non mi farebbero male"

PREMIER STIMOLANTE?

"Ho ricevuto qualche proposta molto interessante sia per il campo che fuori, la prossima settimana quando sarò emotivamente più tranquillo, deciderò. Ora non ha senso fare pronostici. Se dovessi continuare sarebbe perché ho l'ambizione di grandi traguardi, è il mio modo di essere".

SZCZESNY

"Szczesny si e' dimostrato da subito intelligente e curioso. Ha avuto in spogliatoio tanti esempi di alto valore"

NO ALLE CELEBRAZIONI DI ADDIO

"Sabato la voglio vivere normalmente. Sara' una situazione densa di sentimenti. Non chiedo nulla se non stima e affetto, non sono adatto alle celebrazioni..."

MENTALITA' JUVENTUS

"Abbiamo parlato di tutto con il Presidente. Ho sempre sottoscritto con forza il modo di pensare della Juve ed e' giusto capire quando e' ora"

CICLO

"Se pensassi che sabato si chiude un ciclo, questo sarebbe molto grave. L'unica parte imprescindibile della Juve e' la famiglia Agnelli "





Commenti