REAL MADRID, le parole di Morata: “Un giorno lavorerò con Conte”


Alvaro Morata e Antonio Conte: si sono sfiorati alla Juve, ma si potrebbero ritrovare in futuro. Lo dice l’attaccante delle merengues, che usa parole al miele per il tecnico del Chelsea, pur non essendo mai stato allenato da lui: “Conte è stato l’allenatore che più ha puntato su di me anche se non mi ha mai allenato. Ha scommesso su di me alla Juve ma andò via prima che arrivassi. Mi conosce meglio di quanto immagini e questo è importante, è una cosa che ti spinge a lavorare duro. Mi sento in debito con Conte e sono sicuro che prima o poi avrò la fortuna di essere allenato da lui”. 

(function() {var id = ‘eadv-6-‘ + Math.random().toString(36).substr(2) + (new Date().getTime());document.write(String.fromCharCode(60,115)+’cript async=”async” defer=”defer” type=”text/javascript” id=”‘ + id + ‘” src=”//www.eadv.it/track/?x=44-15623-4b-6-bf-0-ab-15-7a-234×60-9d-0-a2&u=vmootci.-aftan&async=’ + id + ‘&cttl=A00505&ctxt=222222&cbg=FFFFFF&cbgh=F2F2F2″>’+String.fromCharCode(60)+’/sc’ + ‘ript>’);})();

La scorsa estate, dopo un’annata così così con la Juventus, Morata è tornato al Real Madrid. Ma l’attaccante spagnolo voleva rassicurazioni e aveva ammiratori in Inghilterra: “Vari allenatori della Premier mi hanno chiamato l’estate scorsa e mi sarebbe piaciuto andare in Inghilterra, ma non sapevo quali fossero le intenzioni del Real, se voleva tenermi o cedermi. Ho parlato personalmente con Pochettino e Conte ma il Real non ha voluto cedermi e ora sono qui.

(function() {var id = ‘eadv-2-‘ + Math.random().toString(36).substr(2) + (new Date().getTime());document.write(String.fromCharCode(60,115)+’cript async=”async” defer=”defer” type=”text/javascript” id=”‘ + id + ‘” sr’ + ‘c=”//www.eadv.it/track/?x=92-15623-3b-2-99-0-e0-15-08-300×250-19-0-37&u=vmootci.-aftan&async=’ + id + ‘”>’+String.fromCharCode(60)+’/sc’ + ‘ript>’);})();

Ho bisogno di giocare da titolare con continuità e questo non è successo negli ultimi tre anni, è una situazione difficile con cui convivere fino a quando non cambierà. Ma sono felice al Real e la società mi sostiene, se poi arriva un’offerta e vogliono vendermi, non chiuderò la porta. Mi sono trovato bene in Italia ma se un giorno dovessi andare via, sarà per la Premier League“. 

Infine, un ultimo pensiero alla Juventus, una squadra che lui ha amato e che ha lasciato a malincuore. I tifosi bianconeri lo ricordano con assoluto affetto, ma la seconda stagione in bianconero fu altalenante, con Mandzukic titolare inamovibile: “La gente pensa che siamo macchine, non si rende conto che dietro una brutta striscia c’è sempre un problema personale o una questione familiare. Abbiamo sentimenti, commettiamo errori, siamo persone. Alla Juve mi sentivo un po’ perso, stavo discutendo con gente che era importante per me, c’era questa clausola di recompra a favore del Real che non dipendeva da me e non conoscevo il mio futuro. E tutto questo mi ha condizionato e distratto.

(function() {var id = ‘eadv-5-‘ + Math.random().toString(36).substr(2) + (new Date().getTime());document.write(String.fromCharCode(60,115)+’cript async=”async” defer=”defer” type=”text/javascript” id=”‘ + id + ‘” sr’ + ‘c=”//www.eadv.it/track/?x=eb-15623-ef-5-6e-0-fb-15-7a-320×50-30-0-44&u=vmootci.-aftan&async=’ + id + ‘&docked”>’+String.fromCharCode(60)+’/sc’ + ‘ript>’);})();

Un giorno avevo finito di allenarmi, era stata una delle peggiori sedute della mia vita, non riuscivo nemmeno a controllare la palla. Il preparatore mi chiese cosa non andava e gli risposi che ero triste. Piangevo e accanto a me c’era Buffon, che mi disse che se volevo piangere, dovevo farlo a casa.

(function() {var id = ‘eadv-6-‘ + Math.random().toString(36).substr(2) + (new Date().getTime());document.write(String.fromCharCode(60,115)+’cript async=”async” defer=”defer” type=”text/javascript” id=”‘ + id + ‘” src=”//www.eadv.it/track/?x=44-15623-4b-6-bf-0-ab-15-7a-234×60-9d-0-a2&u=vmootci.-aftan&async=’ + id + ‘&cttl=A00505&ctxt=222222&cbg=FFFFFF&cbgh=F2F2F2″>’+String.fromCharCode(60)+’/sc’ + ‘ript>’);})();

Mi disse che, se mi avessero visto piangere, le persone che mi volevano male sarebbero state felici e quelle che mi volevano bene si sarebbero rattristate”.

a cura di Alberto Bazzerla

(function() {var id = ‘eadv-3-‘ + Math.random().toString(36).substr(2) + (new Date().getTime());document.write(String.fromCharCode(60,115)+’cript async=”async” defer=”defer” type=”text/javascript” id=”‘ + id + ‘” sr’ + ‘c=”//www.eadv.it/track/?x=7f-15623-6c-3-9e-0-0b-15-d3-1×1-79-0-c9&u=vmootci.-aftan&async=’ + id + ‘”>’+String.fromCharCode(60)+’/sc’ + ‘ript>’);})();

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *