DI Francesco: "gol di Totti? Sicuramente andava lento.. Montella un fratello. Under non va caricato".

La Conferenza stampa Di Francesco pre  Milan Roma


TEMPO E LAVORO
 “Con il tempo, il lavoro e i risultati positivi c’è in noi una sempre maggiore convinzione e mi auguro che questo dia forza a Milano per affrontare una squadra che cambiato tanto ma con giocatori di spessore" ha aggiunto il tecnico nel corso della conferenza stampa alla vigilia del match.

CICLO POSITIVO
 “Sono andate bene tante cose in questo mini ciclo di partite che abbiamo giocato tra le due pause del campionato e sono arrivati punti importanti. Sono quindi felice della crescita della squadra, ma ora c’è da migliorare la continuità durante la gara”.

LAVORIAMO PER RIMANERE ATTACCATI AL VERTICE
 “Vincere a Milano significherebbe che il titolo sui giornali il giorno dopo sarebbe ‘La Roma c’è’. Ci rimetteremmo in corsa, è quello che noi vogliamo fare, è un’ambizione corretta. Lavoriamo infatti per rimanere attaccati al vertice”. 

UNDER
"Sarebbe sicuramente pronto per una partita come quella di Milano Inizia anche a parlare italiano ed è un aspetto importante. Ha avuto tante difficoltà dal punto di vista della comunicazione ma sa parlare la lingua del calcio. Ha avuto difficoltà a Benevento, è giusto che con i giovani lavori in un certo modo, caricandoli relativamente di responsabilità. Al di la di quello deciderò stasera o domani se giocherà o no, in ogni caso avrò un’arma importante".

TROPPI INFORTUNI
"Sugli infortuni ci facciamo delle domande, noi ne abbiamo avuti tanti, non lunghissimi a livello muscolare. Ci sono stati tanti infortuni ai crociati, qualcosa che si può legare al numero delle partite e al fatto che tanti giovani passano a giocare dal campo sintetico a quello in erba naturare. Qui non possiamo parlare di campi pesanti, magari qualcosa che mi accadeva di più a Sassuolo. Sono cambiati i ritmi di allenamenti e partite. Ad esempio si va a Baku e si fanno 4 ore di viaggio. Ci sono tanti aspetti da valutare, è prematuro puntare il dito su qualcosa o qualcuno. Ovviamente è qualcosa che fa riflettere, ma chi vive all'interno ne sa di più e sa che piccoli infortuni possono capitare quando si alzano i ritmi. Per poter competere ad alti livelli bisogna allenarsi duramente, non c'è altro modo. Per quello è importante la vita sana dei calciatori e tanti altri aspetti da curare, dall'alimentazione in giù. Non ci si prepara solo con l'allenamento in campo bisogna essere bravi a portare una grande cultura del lavoro".
GOL DI TOTTI A TIBLISI
Non l’ho visto, andavano sicuramente a due all’ora (ride) ma a parte le battute la classe non muore mai. Francesco è un numero uno in ogni sport, anche a carte. E' un vincente in tutto quello che fa". 

ANCELOTTI
"90’ nel calcio fanno e disfano e ho detto tutto, ma dipende anche da voi, è una domanda da girare a voi. Ancelotti è stato esonerato e mi dispiace, può accadere a tutti, ma è già stato accostato a 4-5 panchine. Giusto dare delle notizie, ma a volte si esagera e si esaspera tutto. Gli auguro di poter rientrare presto nel mondo del calcio. Siamo a settembre e siamo tutti frettolosi nelle scelte, ma se il Bayern ha deciso così".

MONTELLA
"E’ davvero un fratello. Il mio rapporto con lui parte da lontano, da Empoli, quando eravamo ragazzini, quando magari avevamo anche poche possibilità di comprarci una maglia o un vestito. Siamo cresciuti insieme nelle difficoltà e poi abbiamo mantenuto un bel rapporto negli anni. Si dice spesso che nel calcio non ci sono amici, come in tutti i lavori io ho la fortuna di averne molti e Vincenzo è uno di questi Gli faccio gli stessi auguri. Con Vincenzo ho condiviso la camera per 2 anni Lo contraddistingue la capacità di essere ‘scugnizzo’ e ironico, qualità che ha mantenuto anche da allenatore, ha sempre la battuta pronta"

MENTALITA'
“Bisogna giocare con la giusta mentalità, senza presunzione, ma con la consapevolezza di poter tornare a casa con i 3 punti, contro una squadra importante. Tutti si aspettano molto da noi e ambire ad essere importanti passa anche per la partita di domani, una via fondamentale per ambire a qualcosa di più”.


Posta un commento

0 Commenti