Mazzarri: "Sono passato a tre perché soffrivamo. Per Belotti non ho fretta"


 Il Torino pareggia a Reggio Emilia contro il Sassuolo, le parole di Walter Mazzarri al termine della partita:

LA PARTITA
"Quando un allenatore subentra a stagione in corso non è semplice uniformare la preaprazione. Oggi non siamo stati brillanti, ma bisogna fare i complimenti al Sassuolo che si è dimostrata una signora squadra. Il pareggio credo sia un risultato giusto. Noi abbiamo ancora molto da lavorare.

CAMBIO MODULO
"Oggi ho dovuto far così perchè soffrivamo: con la difesa a 3 a parte un taglio di Matri non siamo andati male. Abbiamo anche avuto diverse nitide occasioni. Ho aspettato a cambiare disposizione tattica perchè volevo vedere la reazione tra il primo e il secondo tempo. A tutti interessa fare risultato: se oggi avessimo vinto al tifoso non sarebbe importato chi era in campo e chi no. Se reputerò che il modulo con cui abbiamo finito oggi sarà quello più congeniale, allora lo proporrò. Ma come ho già detto io voglio una squadra che sia in grado di cambiare pelle in corsa".

CAMBI
"Ho dovuto ritardare i cambi perchè avevo la sensazione che diversi calciatori avessero necessità di una sostituzione. Alla fine Niang mi ha chiesto il cambio e ho scelto di inserire Boyè al suo posto".

ANSALDI
"Quando starà bene potrà ricoprire tutti i ruoli, gioca con grande sicurezza ed è un calciatore universale.

BELOTTI
"Martedì parlerò con lui per capire se quel fastidio che sente c’è ancora e mi dirà lui, col dottore, quando se la sentirà di stare bene. Guai ad accelerare, le ricadute a questo punto dell’anno sarebbero devastanti."

Commenti