NAPOLI-ATALANTA 3-1: un primo tempo da Dea, poi black-out



NAPOLI-ATALANTA 3-1
(15' CRISTANTE, 56' ZIELINSKI, 61' MERTENS, 87' ROG)

Come a fine febbraio. Questa volta la palla non viene sporcata da Conti ma direttamente deviata in porta da Cristante, che veste i panni di Caldara, sul calcio d'angolo del Papu Gomez.
Il Napoli si spaventa, l'Atalanta prova ad approfittarne.
Gasp ha studiato la stessa strategia con la quale si era presentato al San Paolo sei mesi fa, addobbata con marcature serrate e pressing a tutto campo, al fine di non consentire ai tre folletti davanti di creare occasioni.
Il minimo vantaggio, forse, sta fin stretto ai neroblu che, sul finire della prima frazione, vanno anche vicini al raddoppio con una triplice occasione nel giro di pochi secondi.
Solo un lampo, un fulmine, un missile, come quello di Zielinski, poteva sbrigliare il ciuccio napoletano. Talmente improvviso e inaspettato che la Dea si ritrae e, cinque minuti dopo, l'asse Insigne-Mertens mette la freccia che segna il sorpasso azzurro.
L'entusiasmo partenopeo, oramai, è alle stelle e la depressione neroblu è solamente la conseguenza di cotanto furore. Il gol di Rog è il pugno del K.O., al quale l'Atalanta si arrende giustamente, rea di non essere riuscita a reagire dopo il momentaneo pareggio.
Una domanda sorge spontanea: perché, all'inizio del secondo tempo, togliere una punta per inserire un centrocampista e posizionare una difesa, praticamente, a cinque?
La Dea non è una squadra che sa gestire il risultato. O meglio, per riuscire a farlo deve attaccare e giocare come ha fatto nello scorso anno. L'unica piccola macchia che, se non viene immediatamente pulita, scende e si spande. Come il magma di un vulcano.

Qual è il resoconto dopo le prime due partite di campionato? L'Atalanta ha già un'identità ad inizio stagione, non come l'anno scorso. Ha raccolto meno di quanto ha seminato ma la base su cui si (ri)parte non manca. Da sottolinare, però, è la timida concretezza in zona-gol: i 14 tiri verso la porta di Reina non sono pochi ma quelli che hanno centrato lo specchio sono soltanto 2.

di Sebastiano Moretto
  • [message]
    • VIENI A FAR PARTE ANCHE TU DI Voti-Fanta.com
      • Ti piace scrivere di calcio e fantacalcio? Pensi di capirne più tanti altri ? Entra a far parte nella redazione di VOTI FANTA. Se sei interessato a partecipare e dare il tuo contributo scrivici un email dove ci racconti cosa ti interessa e cosa vorresti fare. Scrivici a votifanta.com@gmail.com

Posta un commento

0 Commenti