2-3 bello e rocambolesco! Napoli a punteggio pieno

Spal-Napoli: analisi del match e pagelle. A cura di Flavio Caputo


Nel pomeriggio di sabato - alle 18 - è andato  in scena il secondo anticipo di giornata tra Spal e NapoliPartita complicata per gli azzurri che sono rimasti sorpresi dall' atteggiamento dei ferraresi piuttosto spigliato.  La Spal - schierata con il consueto 3-5-2 - non si è schiacciata verso il basso, anzi, ha giocato abbastanza alta e ha fatto un pò il "Napoli", recuperando palla e palleggiando discretamente; proprio così nasce il gol del loro vantaggio. Il Napoli ne ha preso atto e non si è scomposto, ha mantenuto la sua identità,  anche se non è stato semplice giocare in velocità come in altre occasioni; tuttavia - Insigne - ha trovato il pareggio pochi secondi dopo il gol di Schiattarella. Primo tempo equilibrato che ha visto, quindi,  anche la Spal cercare la manovra in palleggio. Nella ripresa il team campano è cresciuto e ha preso il sopravvento, la spinta offensiva è diventata più intensa e continua e, con il passaggio al 4-2-3-1, ha avuto anche un discreto numero di occasioni da gol, tra cui quella del vantaggio di Callejon. Gli estensi, però,  non si disuniscono mai e  raggiungono gli azzurri con Viviani su calcio piazzato, ma non è bastato. I partenopei quest' anno hanno più saggezza e restano razionali nelle difficoltà, peculiarità nuova che li ha portati con caparbietà a raggiungere il nuovo vantaggio, stavolta definitivo. Ecco, questo è il nuovo Napoli, una squadra più paziente e meno istintiva che, però, ha mantenuto il suo punto di forza, il fraseggio a due tocchi massimo. Questa maturità raggiunta darà sicuramente soddisfazioni, ma per lo scudetto la Juve, dopo la prova di forza nel derby, sembra tornata la principale indiziata a vincerlo. Il Napoli, tra l' altro, dovrà fare a meno di Milik per tanto tempo (rottura del crociato del ginocchio destro). Sarri avrà un problema in più da gestire; le soluzioni non mancano ma il mister sarà costretto a fare di necessità virtù. Va detto, che con l' assenza del polacco, non sarà possibile buttare nella "mischia" una punta capace di portare peso e centimetri in zona d' attacco, peso e centimetri che potevano tornare utili in particolari frangenti di partita. Il tecnico toscano già ha vissuto lo scorso anno la stessa identica situazione, riuscendone a venire fuori.


SOSTITUZIONI SPAL:
 Vaisanen subentra Felipe al 65'
                                         
Rizzo subentra a Mora al 75'
                                         
Paloschi subentra a Borriello all' 84'

SOSTITUZIONI NAPOLI
Allan subentra ad Hamsik al 60'
                                            
 Milik subentra a Zielinski al 69'
                                           
  Rog subentra a Mertens al 75'

                               
                           

 LE PAGELLE di F. Caputo

SPAL

GOMIS  6,5: il portiere ferrarese dimostra ottimi riflessi in più occasioni, poco può sulle reti partenopee, forse sul gol di Insigne poteva fare qualcosina in più.

COSTA  6,5: una piccola scheggia sulla fascia sinistra, tanta legna e anche qualche buono spunto in fase offensiva.
                      
FELIPE  5,5: difensore sgorbutico, alterna cose buone ad altre meno buone; nella sua zona c'è Callejon a cui concede qualche libertà di troppo. ( dal 65' VAISANEN 5,5: entra quando il Napoli è nella fase di maggiore spinta e non si fa trovare prontissimo).

SALAMON  6,5: il migliore della difesa, ringhia sugli avanti azzurri e , spesso, imposta che è un piacere.

VICARI  6: centrale di difesa, disputa una partita ordinata, senza infamia e senza lode.

LAZZARI  5,5: troppo preoccupato della "nota" catena mancina partenopea, ma Ghoulam dalle sue parti "trotta" senza particolari opposizioni.

MORA 6: il capitano ci mette la solita grinta e il solito dinamismo, contiene bene Zielinski. (dal 75' RIZZO: s.v.)

VIVIANI  6,5: regista dai piedi fatati, pennella una punzione che, quasi, regala il punto ai ferraresi

SCHIATTARELLA  7: migliore dei suoi; realizza il primo gol con un destro potente che s' infila nell' angolino, e non solo, corre, contrasta e si fa valere anche in fase difensiva, pregevole la diagonale con cui chiude su Mertens lanciato a rete.

ANTENUCCI  6: suo l' assist per Schiattarella, poi tanta volontà ma poco altro.

BORRIELLO  5,5: bel duello con i centrali difensivi napoletani, ma la spunta poche volte.( dall' 84' PALOSCHI: s.v.)


NAPOLI

REINA  5: il carisma fin quando potrà bastare? Sulla punizione di Viviani , che calcia sul suo lato di copertura, resta fermo a guardare il pallone insaccarsi alle sue spalle, senza nemmeno accennare ad un tuffo.

HYSAJ  6 : solito contributo sulla corsia destra, efficace in difesa, discreto in proposizione offensiva.

MAKSIMOVIC  6: qualche piccola sbavatura ma, nel complesso, disputa una gara buona; sufficiente per essere la sua prima partita ufficiale quest' anno.

KOULIBALY  6: fa valere la sua fisicità ed esce quasi sempre vincitore dai duelli fisici, a volte si distrae e commette falli ingenui.

GHOULAM  7,5: è in uno stato di grazia; oltre a macinare chilometri sulla fascia e a fraseggiare con i compagni vicini, serve l' assist a Callejon del 1-2 e realizza il gol della vittoria con un azione personale che lascia di stucco tutti.

ZIELINSKI  5: il polacco è in ombra, si vede poco e lascia poche tracce. Da un suo pasaggio errato parte l' azione del vantaggio ferrarese. (dal 69' MILIK 6: va a pochi passi dal gol ma esce dopo poco per un nuovo infortunio al ginocchio che lo terrà lontano dal terreno di gioco per tanto tempo. Siamo con te Arek!).

DIAWARA  6: prova a fare il "Jorginho", come lui tocca molti palloni anche se non ha la stessa precisione nei passaggi del brasiliano.

HAMSIK  6: è in ripresa, più attivo e convinto delle prime partite, si propone e prova il tiro; cala col passare dei minuti, e Sarri, dopo un' ora di gioco, lo richiama in panchina. (dal 60' ALLAN 6: solito dinamismo sulla mediana, da' maggiore robustezza).

CALLEJON  7: la certezza degli azzurri; un' assist, per il gol di Insigne, e la rete dell' 1-2, oltre al solito prezioso contributo in fase passiva

MERTENS  5,5: è tornato sulla Terra! Pochi spunti per il campione belga che ha sofferto la fisicità dei difensori della Spal e non ha trovato gli spazi necessari per far valere la sua classe.( dal 75' Rog s.v.: poche azioni degne di nota).

INSIGNE  6,5: realizza un bel gol ed è nel vivo del gioco, cala un pò nel finale.


Posta un commento

0 Commenti