GUIDA AL FANTAMONDIALE: l'Uruguay




PERCORSO PER ARRIVARE AI MONDIALI

L'Uruguay è la nazione che nonostante le sue dimensioni ha vinto il maggior numero di titoli, la sua costituzione risale ai primi del 900 ed è stata all'avanguardia per i decenni  successivi. Arriva in Russia dopo aver chiuso il girone di qualificazione sudamericano al secondo posto dietro il Brasile (32 gol fatti 20 subiti) senza troppi patemi potendo sfruttare una delle coppie di attaccanti più forti del pianeta Cavani - Suarez. Il mister è lo stesso dal 2006, il "Maestro" Oscar Washington Tabarez che probabilmente lascerà la panchina dopo la manifestazione visto il suo stato di salute che lo costringe a camminare con l’aiuto di una stampella.

OBIETTIVI  E POTENZIALITA' AL MONDIALE

Magari l'Uruguay non è inserita tra le favorite per la vittoria finale ma è un avversario scorbutico per qualsiasi nazionale anche le più blasonate. Nel gruppo A dovrebbe riuscire a passare al primo posto, Russia e Egitto probabilmente battaglieranno per passare il turno, l'Arabia Sudita ha chance assai ridotte. Nella fase eliminatoria potrebbe incrociare Spagna o Portogallo, difficile presagire dove può arrivare la Celeste ma resta sempre una compagine da temere e rispettare che arriva in Russia con un mix di giovani ed esperti e può sorprendere come nel 2010 in Sudafrica dove raggiunse le semifinali, più realisticamente l'arrivo ai quarti potrebbe essere considerato un buon risultato.

MODULO E STILE DI GIOCO

L'idea di gioco della Celeste negli anni scorsi è stata contraddistinta da un attitudine difensiva e votata alle ripartenze veloci per innescare i suoi attaccanti letali e con un centrocampo grintoso e dinamico ma con poca qualità votato alle verticalizzazioni rapide. In sintesi una squadra pragmatica con un atteggiamento difensivo e un reparto offensivo micidiale.
Durante le qualificazioni però si è visto un ricambio generazionale principalmente a centrocampo dove nel 4-4-2 di Tabarez hanno guadagnato terreno giocatori giovani e tecnici (Bentancour, Nandez e Torreira) che hanno acquisito esperienza in Europa come Bentancur e Torreira mentre Nandez è diventato un calciatore fondamentale nel Boca Junior. La qualità del reparto è cresciuta e anche le punte beneficiano delle migliori caratteristiche tecniche dei centrocampisti.
Davanti a Muslera la difesa è la stessa degli anni passati Godin è il leader al suo fianco Gimenez, i terzini dovrebbero essere Caceres e Maxi Pereira dietro di loro possono ricoprire il ruolo Gaston Silva, Laxalt e il giovane Varela. In mediana Vecino e Bentancur con a destra Nandez e il "Cebolla" Rodriguez a sinistra con Laxalt possibile alternativa. In attacco i due goleador Cavani (10 reti nel girone sudamericano) e Suarez (5 reti) con Maxi Gomez prima riserva e Stuani seconda. All'occorrenza come variante tattica Tabarez può utilizzare un trequartista, nel ruolo può contare sull'ascesa di de Arrascaeta del Gremio.

La Rosa:

Muslera: il trentunenne portiere del Galatasaray è il titolare indiscusso della nazionale dal 2009,
ormai ha raggiunto le 96 presenze con la Celeste. Garantisce sicurezza e solidità anche se può tornare in mente qualche errore grossolano da lui commesso
Campaña: secondo portiere gioca nell'Indipendendiente dove si è fatto notare per le buone prestazioni, la critica lo ha elogiato ma il titolare vista la notevole esperienza internazionale è Muslera
Martin Silva: terzo portiere
Godin: capitano e colonna della Celeste con 118 presenze, intelligenza tattica, la giusta durezza nei contrasti e la capacità di eccellere nel gioco aereo, molto pericoloso anche in area avversaria.
Coates: fisicamente un colosso, senso tattico apprezzabile nella costruzione di gioco. Ovviamente rapidità e velocità non sono le sue armi migliori. Probabilmente sarà il primo sostituto della coppia titolare.
Gimenez: difensore centrale dell'Atletico Madrid anche in Nazionale farà coppia con Godin, giocatore completo bravo nell'uno contro uno e dotato di grande rapidità.
Maxi Pereira: laterale destro del Porto in nazionale dovrebbe giocare a sinistra. Grande esperienza ha totalizzato 124 presenze con l'Uruguay, carattere pugnace e fumantino il trentatreenne è divenuto col tempo meno propenso alla fase offensiva.
Gaston Silva: terzino sinistro ventiquattrenne gioca nell'Indipendiente, le aspettative su di lui erano elevate qualche anno fa ma non ha dato conferme da alti livelli. 10 presenze durante le qualificazioni ma non si è imposto come titolare.
Caceres: el Pelado ha disputato 8 presenze nel girone di qualificazione e siglato 3 reti con in mezzo un grave infortunio (lacerazione del tendine d'Achille). Il dubbio su di lui è la tenuta fisica, con Tabarez gioca terzino a destra o a sinistra.
Varela: giovane e promettente laterale destro deve ancora affermarsi, riserva
Nandez: 22 anni gioca nel Boca dove lo hanno soprannominato "el Leon". Giovane centrocampista che unisce grinta e tecnica, può giocare al centro ma è stato utilizzato sulla destra nelle recenti apparizioni con la Nazionale. Da tenere d'occhio è cresciuto molto in fretta.
Torreira: volante davante alla difesa, fisicamente non dotato ma unisce le qualità di ruba palloni  con quelle di regista essendo in possesso di un piede destro educato. Non parte titolare ha giocato spezzoni nelle ultime amichevoli pre mondiale.
Vecino: centrocampista magari non appariscente ma utile in ogni mediana. Capace nelle due fasi, abile tecnicamente e scaltro tatticamente, dinamico e in grado di inserirsi. Segna poco ma gli anni trascorsi in serie A lo hanno completato. Titolare
Bentancur: il ventenne centrocampista della Juve è maturato molto tanto che Tabarez è intenzionato ad affidargli la regia della squadra. Buon fisico e tecnicamente dotato con entrambi i piedi è in grado di giocare palle corte o lunghe, osare giocate non banali grazie alla notevole personalità.
Sanchez: 33 anni gioca nel Monterrey in Messico, miglior giocatore sudamericano nel 2015 con la maglia del River. 15 presenze 7 assist e un gol nelle qualificazioni, agisce come centrocampista o ala destra. Grande affidabilità potrebbe essere chiuso dalla crescita di Nandez.
Rodriguez: el Cebolla ormai trentaduenne è tornato al Penarol, ha disputato 13 gare nelle qualificazioni ha segnato 2 reti e confezionato un assist. Gioca a sinistra in mediana, la gamba evidenziata negli anni passati è venuta meno e quantitativamente è meno efficace però ha giocato spesso titolare nel girone sudamericano ed è un combattente. Partirà titolare con Laxalt che può farlo rifiatare.
Laxalt: esterno mancino basso o alto del Genoa, in serie A si è ormai consacrato con la Celeste ancora no. Rapidità e resistenza sulla fascia, tornante a tutto campo con buona tecnica, utile rincalzo per i ruoli sulla sinistra in Nazionale può avere le sue opportunità vista l'età avanzata di Rodriguez e Maxi Pereira.
de Arrascaeta: 24 anni trequartista del Cruzeiro, fisico nella norma con ottime qualità tecniche e grande velocità può destreggiarsi come esterno destro o sinistro. Sempre convocato ma ha avuto poche possibilità di giocare, può tornare utile come variante tattica in caso venga scelto il modulo 4-3-1-2. Da tenere d'occhio come possibile sorpresa.
Urretaviscaya: ventottenne ala destra o seconda punta del Monterrey, poche apparizioni da titolare è una riserva per i ruoli d'attacco. Con la nazionale 4 presenze 1 assist e una espulsione.
Maxi Gomez: detto el Toro 21 anni punta centrale del Celta (13 gol in Liga), è uno dei giocatori in ascesa in patria lo considerano come il nuovo Suarez. Aggressivo, determinato, abile nella protezione della sfera. Efficace con entrambi i piedi e ottimo colpitore di testa, ha dimostrato personalità da vendere nella sua breve carriera. Parte dietro ai due titolari.
Stuani: il trentunenne attaccante del Girona ha disputato un'ottima stagione in Liga (33 partite 21 reti). L'esperto centravanti nelle scelte di Tabarez è uno degli eventuali sostituti della coppia titolare.
Cavani: Ha guidato l'Uruguay con 10 gol nel girone ed è uno dei più forti attaccanti del mondo.
Suarez: compagno di Cavani micidiale sotto porta, el Pistolero ha segnato 5 volte nelle qualificazioni. Grinta da vendere è da inserire tra le migliori cinque migliori punte del torneo.

Probabile formazione:
Uruguay (4-4-2): Muslera; Caceres, Godin, Gimenez, Maxi Pereira; Nandez, Vecino, Bentancur, Rodriguez; Cavani, Suarez

Ballottaggi: Gimenez 60%-Coates 40%,  Nandez 55%- de Arrascaeta 30%- Sanchez 20,
% Rodriguez 60% - Laxalt 40%, Maxi Pereira 60%-Laxalt 40%

GOLEADOR
Suarez 94 presenze 49 gol
Cavani 96 presenze 40 gol

RIGORISTI
Cavani prima scelta, Suarez seconda

ASSIST MAN 
Suarez 25 assist in 94 partite

PORTATORI DI MALUS
Maxi Pereira 120 presenze 26 gialli e 2 rossi

CONSIGLIATI
Godin e Caceres

SCONSIGLIATI
Maxi Pereira e Rodriguez

POSSIBILI SORPRESE
Nandez e de Arrascaeta

Posta un commento

0 Commenti