AZZARDA CHE TI PASSA, gli azzardi fantacalcistici del week-end a cura di F.V.

Ciao a tutti,

Eccoci finalmente ritornati con gli azzardi di giornata, la vostra rubrica preferita… O quasi 😉

Settimana l’abbiamo combinata ancora… La doppia di Lapadula! Quindi abbiate fiducia con il solito “culo strettissimo” LOL

Cominciamo forte, senza ciancie, perché a noi non piacciono. Oramai è la nostra frase di rito. Il primo della lista è uno dei tanti ex di giornata, forse il più altisonante… Il rimpianto milanista PASALIC. Con 9 goal in campionato da centrocampista jolly non si può definire un rimpianto, forse più una lettera di licenziamento per il direttore tecnico che non l’ha voluto. Ma si sa che nel calcio nulla è scontato e magari all’Atalanta ha trovato la sua dimensione. Schieratelo senza indugi. Proseguendo non vediamo l’ora di vedere tornare al goal “bobby english” detto INGLESE… o forse il contrario 🙂 Contro un Brescia privo di Joronen e già in B non sarà dura trovare la via del goal.

Uno che la via del goal la conosce fin troppo bene è pandevmonio (PANDEV, si era capito dai) che si gioca tutto da ex in un match salvezza da cardiopalma contro l’Inter. Sappiamo che lui nella finali segna sempre, chissà che non punisca la sua ex squadra. Sempre parlando di attaccanti non possiamo nominare OKAKA, che dalla sua stagione pienamente sufficiente affronta un Cagliari un po’ in panne. Su calcio d’angolo potrebbe esser letale. Concludiamo con l’ultimo ex di giornata – sembra incredibile ma son tutti ex – Nicola KALINIC che contro la sua Fiorentina vorrà sicuramente far rimpiangere qualcosa. Insomma lo sappiamo, è un po’ il bello del calcio.

Fateci più che un pensierino sui nostri consigli “azzardosi” Il tema dev’esser sempre “il provarci” perché se l’azzeccate diventate degli idoli della vostra lega. O anche dei luridi vermi 😉

Come ben sapete è dal 2018 che abbiamo azzeccato l’impossibile! Quindi continuate a seguirci e AZZARDATE! Come piace fare a noi.

Siete tantissimi e vi ringraziamo per questo.

——————

A cura di Francesco Vitulo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

P